Corniolo di Kousa (Cornus kousa)

Il Cornus kousa è un albero a foglie caduche

Immagine - Wikimedia / Jean-Pol GRANDMONT

I cornioli sono un gruppo di piante che si caratterizzano per avere fiori con quattro brattee (falsi petali), grandi e bianchi o rosa, oltre a un magnifico colore autunnale. Ma poiché questo è un blog sugli alberi, ti parleremo del Cornus Kousa, per me una delle specie più decorative, ma anche più delicate quando il tempo non è del tutto favorevole.

Così, quali sono le esigenze di questo corniolo? Come possiamo arredare un giardino con esso? È possibile tenerlo in una pentola? Queste e altre domande riceveranno risposta di seguito.

Origine e caratteristiche di Cornus Kousa

Il Cornus kousa è un albero di medie dimensioni

Immagine - Wikimedia / Famartin

Il corniolo di Kousa è un albero deciduo originario dell'Asia orientale, per l'esattezza, dal Giappone, dalla Cina e dalla Corea. Raggiunge un'altezza compresa tra i 8 e gli 12 metri, e nel tempo sviluppa una chioma arrotondata e larga, che raggiunge i 4 metri circa. Le sue foglie sono semplici, lunghe circa 10 centimetri, e verdi, anche se in autunno diventano arancioni e/o rossastre.

Fiorisce per tutta la primavera. dei suoi rami un gran numero di fiori bianchi germogliano Misurano circa 4 centimetri di larghezza. E una volta impollinati, maturano i frutti, che sono bacche rosa di circa 3 centimetri. Questi sono commestibili e possono essere raccolti a fine estate o autunno.

Per cosa lo usi?

Il nostro protagonista ha diversi usi, che sono:

  • ornamentale: sia come esemplare isolato che in gruppi, è un albero che abbellisce molto un giardino, e per di più lo fa praticamente tutto l'anno, riempiendosi dapprima di fiori in primavera, per poi tingersi di rosso in autunno.
    • Bonsai: tutti i cornioli sono piante che vengono lavorate come bonsai. Resistente A differenza di altri vistosi alberi da fiore, come ad esempio il fiammeggiante, prosperano senza problemi quando vengono coltivati ​​​​in vassoi per bonsai.
  • commestibile: Le sue bacche sono usate per fare il vino.

Come prendersi cura del corniolo di Kousa?

Se vuoi goderti un Cornus Kousa, per prima cosa devi tenere conto delle loro esigenze:

  • Clima adatto: temperato; cioè con temperature miti in primavera e fino all'autunno, e con gelate e nevicate moderate in inverno. Allo stesso modo l'umidità ambientale deve essere elevata, poiché soffre molto quando è bassa (le foglie si disidratano).
  • Suolo: acido o leggermente acido (deve avere un pH compreso tra 4 e 6.5), ricco di sostanza organica e con ottimo drenaggio. È un albero che non tollera l'eccesso di acqua nelle sue radici.
  • Piove: deve essere registrato tutto l'anno.

E ora vediamo come prendercene cura:

Posizione

Il corniolo Kousa ha fiori bianchi

Immagine - Wikimedia / Famartin

Deve essere posizionato all'esterno, ma in un luogo soleggiato o ombreggiato? Dipende molto dal tempo: se è temperato con estati miti e inverni freddi, può essere esposto al sole se l'umidità ambientale è elevata. Se invece è temperato caldo, con temperature superiori ai 35ºC in estate e con gelate molto leggere in inverno, come avviene ad esempio in vari punti della costa mediterranea, sarà preferibile averlo in mezz'ombra o ombra, meno durante i mesi caldi perché il grado di insolazione può essere molto alto e, di conseguenza, le foglie possono bruciare.

Terreno o substrato

Come accennato, il terreno deve avere un pH compreso tra 4 e 6.5. Cosa c'è di più, deve essere fertile e leggera, poiché se è molto compatto e/o pesante, le radici non crescono bene, e possono anche soffocare per la scarsa circolazione dell'aria in quel terreno. Pertanto, se il terreno di cui disponiamo non è idoneo, dobbiamo migliorarlo, o aggiungendo torba bionda per acidificarlo e/o installando un sistema di drenaggio. In ogni caso, e siccome tollera la potatura, se abbiamo terreno argilloso è meglio piantarlo in vaso, perché anche se facciamo una grossa buca, prima o poi le radici toccherebbero il terreno originario, e quindi i problemi inizierebbe. .

Quale substrato mettere se sta per essere in una pentola? Questo è facile: qualsiasi terreno specifico per piante acideCome questo di Fiore, o fibra di cocco (in vendita qui). Se hai intenzione di usarlo come bonsai, ti consigliamo di mescolare il 70% di akadama con il 30% di kanuma.

irrigazione

El Cornus Kousa non resiste alla siccità. Nel caso in cui non piova, va annaffiata generalmente 2-3 volte a settimana in estate (cioè ogni 2 o 3 giorni), e una o due volte a settimana il resto dell'anno. Ma questo dipenderà molto dal clima, dalla posizione e dal fatto che sia in piena terra o in vaso, poiché non verrà annaffiato con la stessa frequenza nel sud di Maiorca (dove possiamo trascorrere fino a sei mesi senza vedendo la pioggia), come in Galizia (dove piove molto più spesso che nell'isola mediterranea).

In caso di dubbi, vi consigliamo di controllare l'umidità del terreno, inserendo sul fondo un bastoncino di legno. Nel caso in cui esca con molto terriccio attaccato, significherà che non è ancora necessario annaffiare. Inoltre, se lo abbiamo in una pentola, un altro modo per sapere se deve essere annaffiato o meno è prenderlo una volta che è stato innaffiato, e di nuovo dopo qualche giorno. Poiché il terreno asciutto pesa meno del terreno umido, questa differenza di peso servirà da guida.

Abbonato

Le foglie di Cornus kousa sono verdi

Immagine - Flickr / James St. John

Dalla primavera alla fine dell'estate si consiglia di pagare con fertilizzanti come letame di pollo, compost o guano. Anche se se è in vaso, è preferibile utilizzare fertilizzanti liquidi specifici per piante acide, come ad es è da Battle per esempio. Ma sì, segui le istruzioni per l'uso in modo che non sorgano problemi.

Potatura

Se lo avremo in giardino, non consiglio di potarlo. La bellezza di questo albero è la sua dimensione, la sua eleganza. Ma se hai rami secchi, allora sì, possiamo rimuoverli.

Le cose cambiano quando lo avrai in un vaso, o perché non hai un giardino, perché il terreno non è giusto, o perché semplicemente ne hai voglia. In questo caso è necessaria la potatura. Questo sarà fatto alla fine dell'inverno o in autunno e consisterà in:

  • Elimina i rami secchi e spezzati.
  • Taglia quelli che crescono troppo alti.
  • Dai alla tazza una forma ovale.

trapianto

Sarà fatto alla fine dell'inverno, prima che i tuorli inizino a "gonfiarsi" o poco dopo. Ma sì, verrà rimosso dal vaso solo se ha radicato bene; cioè se le radici escono dai fori di drenaggio e/o se tentando di rimuoverla, la zolla esce intera senza sfaldarsi.

Moltiplicazione

Il frutto del corniolo di Kousa è una pianta preziosa

Immagine – Wikimedia/Raphael Andrés

Si moltiplica per semi in inverno, poiché devono raffreddarsi prima di germogliare, e per talee in primavera.

Rusticità

Resiste a gelate fino a -18ºC purché non in ritardo, poiché una volta che il tempo inizia a migliorare germoglia subito, e in caso di un brusco calo della temperatura fa fatica.

Se è all'ombra e non manca di acqua, resisterà anche a un'ondata di caldo con valori fino a 38ºC se registrati in modo tempestivo.

Il corniolo di Kousa diventa rosso in autunno

Immagine - Wikimedia / Famartin

Cosa ne pensi del file Cornus Kousa?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*