Quando e come innaffiare gli alberi?

Cercis siliquastrum fiori

fiori del Cercis siliquastrum , un albero che necessita di annaffiature regolari.

Gli alberi sono piante che di solito ricevono molta più acqua del necessario o, al contrario, meno. E la verità è che la questione dell'irrigazione è una delle più complicate da controllare, soprattutto se gli esemplari sono a terra, perché in queste condizioni è quasi impossibile sapere con assoluta certezza se le radici sono sufficientemente idratate o meno.

Pertanto, questa volta vi pongo la seguente domanda: Sai quando e come innaffiare gli alberi? Se non conosci la risposta, o se hai dei dubbi, non preoccuparti, te lo risolvo di seguito 🙂 .

Non tutti gli alberi hanno bisogno della stessa quantità di acqua

Brachichiton rupestris

Brachichiton rupestris, un albero molto resistente alla siccità. // Immagine proveniente da Flickr/Louisa Billeter

E questa è la prima cosa da sapere. Fortunatamente, viviamo su un pianeta dove c'è diversità di climi, diversità di suoli e habitat, il che significa questo esiste un numero significativo di specie arboree che vivono in aree con condizioni disparate: alcuni vivono in zone dove la pioggia è così scarsa e il sole è così forte che la terra si asciuga rapidamente; altri, invece, si sono adattati a vivere in luoghi dove le piogge sono molto abbondanti e la temperatura è sempre calda;... e tra questi due estremi, ci sono molti altri scenari o habitat.

Per questo, quando andiamo a comprare un albero per l'orto o a coltivarlo in vaso, dobbiamo scoprire da dove proviene, perché le cure che ha ricevuto fino a quel momento non sono sempre adeguate. Per darvi un'idea di quello che sto dicendo, parliamone Brachichiton populneus, un albero sempreverde originario dell'Australia piuttosto secca, e dal Persea americana (avocado), un albero sempreverde che vive nel Messico centrale e orientale e in Guatemala.

Mentre il primo è molto resistente alla siccità (ne ho due in giardino e non li annaffio mai e cadono circa 350 mm l'anno), l'avocado ha bisogno di essere annaffiato molto spesso, poiché nel suo habitat naturale cade tra 800 e 2000 mm ogni anno.

Allora, quando e come innaffiare gli alberi?

Ginkgo biloba

El Ginkgo biloba È un albero che necessita di annaffiature frequenti. // Immagine proveniente da Wikimedia/SEWilco

Alberi in vaso

Se coltivi alberi in vaso, non sarà molto difficile controllare l'irrigazione; Non in vano, devi solo versare dell'acqua finché non la vedi uscire dai fori di drenaggio, lasciando il supporto imbevuto. Nel caso in cui vedeste che il prezioso liquido va ai lati, cioè tra quello che è il substrato e il vaso, mettete detto vaso in una bacinella con dell'acqua, poiché ciò accade perché la terra è così secca che diventa un "bloccare".

La frequenza delle annaffiature varierà molto a seconda della stagione in cui ci si trova, quindi mi piace sempre consigliare lo stesso: controllare l'umidità del terreno, ad esempio pesando il vaso una volta innaffiato e di nuovo dopo qualche giorno. , oppure con il classico bastoncino, che uscirà con molto terriccio attaccato se è ancora bagnato.

Alberi in giardino

Se quello che hai sono alberi piantati in giardino, le cose si complicano. Come fai a sapere quando annaffiarli? E quanta acqua devi aggiungere? Beh, dipende dalle loro dimensioni. Ed è che se hai mai letto o sentito dire che la superficie che occupa il suo apparato radicale coincide più o meno con la dimensione della sua chioma... non è vero, ma è un fatto che può aiutarti.

Per capire meglio questo argomento ed evitare problemi, dovresti sapere che, in linea di massima, ci sono due tipi di radici degli alberi: una è quella pivotante, che è la più spessa di tutte e quella che funge da ancora, e altre più fini che sono le cosiddette radici secondarie e che svolgono la funzione di ricercare e assorbire l'acqua. Quello pivotante cresce verso il basso, ma di solito sta nei primi 60-70cm nell'entroterra, gli altri invece crescono molto (molto, nel caso di alberi come Ficus o Fraxinus, che possono raggiungere i dieci metri di lunghezza o anche più).

Così, quando annaffiamo dobbiamo versare molta acqua, in modo che raggiunga tutte le radici. In genere se le piante sono alte due metri possono bastare dieci litri; Se invece misurano quattro metri o più, dieci litri, è normale che abbiano un sapore poco 🙂 .

Tenendo conto di tutto questo, possiamo controllare l'umidità del suolo con misuratori di umidità digitali, che una volta introdotto nel terreno ci dirà quanto è bagnato, oppure un metodo che personalmente mi piace di più perché lo trovo più affidabile è quello di scavare circa quattro pollici vicino alla pianta. Può non sembrare molto, ma se a quella profondità vediamo che la terra è molto umida, possiamo avere l'idea che se andassimo più in profondità continueremmo a trovare terra umida, perché è difficile che i raggi del sole arrivino più lontano giù.

Siliqua cheratonia

La Siliqua cheratonia vive bene con poca acqua.

In ogni caso, se hai dei dubbi, non lasciarli nel calamaio.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

24 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1.   GALANTE NACHO suddetto

    Ciao Monica.

    Commento super interessante.

    Lo trovo molto utile, abbiamo sempre dei dubbi e annaffiamo quasi tutti allo stesso modo (la verità è che quasi tutti i nostri alberi provengono da un clima temperato e caducifoglie). È bene avere diversi modi per determinare l'umidità del suolo. Le foto sono incredibili. Il Brachychiton rupestris è fantastico!

    Grazie mille come sempre!

    GALANTE NACHO

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Sì, è un po' difficile controllare l'irrigazione, soprattutto quando si hanno le piante nel terreno. Ma con il tempo e l'esperienza migliora.

      Per quanto riguarda B. rupestris, è un albero meraviglioso. Mi piace chiamarlo il baobab australiano, per via del suo tronco a forma di bottiglia e della sua resistenza alla siccità. Ne ho uno nel terreno da un paio d'anni e penso di averlo annaffiato solo cinque o sei volte. E lì continua, crescendo.

      Certo cresce di più quando viene annaffiato più spesso, ma se abiti in una zona dove piove poco e cerchi un orto a bassa o nessuna manutenzione, è senza dubbio una specie da tenere in considerazione.

      Saluti!

  2.   Rosa suddetto

    Vivo a Tenerife, in un clima caldo, non lontano dalla costa. L'orto comunitario, con alberi già grandi, piantati molti anni fa, sono diversi ficus, palme, alberi di falso pepe, oltre ad altre specie più piccole, come gli arbusti di tipo acaliphas. Abbiamo piantato molte piante di agave e succulente, il tutto per risparmiare acqua fino a quando non riusciremo a mettere su un sistema di irrigazione automatico. Il giardino sembra lussureggiante e verde, ma ogni vicino ha opinioni diverse sull'irrigazione. Con un clima piuttosto secco, il giardiniere annaffia una settimana sì, l'altra no. Oggi un vicino si è lamentato perché ha visto il ragazzo che annaffiava un grande albero, dicendo che non hanno bisogno di annaffiare... Qualcuno me lo può chiarire? Grazie

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Ciao rosa.

      Tutti gli alberi e le piante hanno bisogno di acqua, ma ad esempio se oggi piove molto, cadendo un minimo di 20 litri, allora non devi annaffiare prima che siano trascorsi alcuni giorni in estate, o addirittura settimane in inverno.

      La frequenza delle annaffiature dipenderà anche dalla pianta e da quanto tempo è rimasta nel terreno. In genere bisogna aspettare almeno un anno prima di iniziare a distanziare le annaffiature, e lo si farà solo se quella particolare pianta sarà in grado di vivere bene in quel luogo da sola.

      Ad esempio, un Jacaranda vive bene in climi caldi e temperati, ma poiché non piove regolarmente ogni pochi giorni non sopravvive da solo.

      Quindi, quello che voglio dirti è che dipende dall'albero che è stato annaffiato e da quanto tempo è stato nel giardino.

      Tuttavia, se sono trascorse più di una o due settimane senza pioggia e le temperature sono di 20-30 gradi Celsius, l'acqua non farà male.

      Se hai altre domande, chiedi 🙂

      Saluti!

      1.    Rosa suddetto

        Molte grazie! È chiaro per me. Saluti da Tenerife!

        1.    tutti gli alberi suddetto

          Ottimo, grazie a te. Saluti!

  3.   Raul Edmundo Bustamante suddetto

    CIAO, BUON POMERIGGIO, VORREI CHIEDERE LA TUA PARERE SULL'IRRIGAZIONE DEGLI ALBERI IN PROFONDITÀ. È UN SISTEMA CHE INVIA L'ACQUA ATTRAVERSO UN TUBO PROFONDO UN METRO VICINO AL TRONCO, CREANDO QUI UN BULBO DI UMIDITÀ.
    LA FREQUENZA DIPENDERÀ DAL CLIMA E DALLA SPECIE, MA L'OBIETTIVO FINALE È EVITARE LO SVILUPPO DI RADICI IN SUPERFICIE. PENSI CHE IL METODO SIA DI SUCCESSO?
    GRAZIE

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Ciao Raul.

      Non sembra un cattivo sistema, ma ci sono molte cose che devono essere prese in considerazione. Ad esempio, alla stragrande maggioranza degli alberi non piace avere delle pozzanghere d'acqua nelle radici, poiché potrebbero soffocarle... a meno che il terreno non sia in grado di assorbire e filtrare rapidamente quell'acqua.

      D'altra parte, non tutti i climi o i terreni sono uguali, ed è difficile sapere con certezza quanto spesso e quanto irrigare. Se si tratta di un'irrigazione profonda, come si fa a sapere quando il terreno ha già assorbito tutta l'acqua?

      Non lo so. Mi solleva alcune domande. Potrebbe essere molto interessante, soprattutto per coloro che non vogliono abbattere alberi le cui radici potrebbero causare problemi futuri se non intervengono in anticipo. Ma devi conoscere molto bene le caratteristiche e le condizioni in cui vive quell'albero, e quali sono i suoi bisogni.

      Saluti!

  4.   Luisa suddetto

    Ciao, volevo chiederti di due alberi che ho, un albero di limone in un vaso di circa due metri di altezza e un albero di mandarino in un albero di circa tre metri, questo più vecchio. Sono di Siviglia e in questi giorni con temperature superiori ai quaranta. Di solito innaffio le mie piante nel patio a giorni alterni, ma con il dubbio dell'acqua che dovrei mettere sugli alberi. Ti auguro il meglio

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Ciao M. Luisa.

      Conosco il caldo a Siviglia (ho una famiglia lì) e so che la terra si prosciuga rapidamente in estate. L'unica cosa, ogni volta che innaffiate l'albero di limone, versate dell'acqua fino a quando non esce dai fori della pentola, così il terriccio sarà ben inzuppato.

      Nel caso del mandarino aggiungetene quanto basta, almeno 10 litri, circa 3 volte a settimana. In ottobre o giù di lì, quando le temperature iniziano a scendere un po', distanziare un po' le annaffiature, per entrambi gli alberi da frutto.

      Saluti!

  5.   Marcelino suddetto

    La mia domanda è
    Quando smettere di annaffiare un albero da frutto?
    o chiesto in altro modo
    Se il frutto di un albero da frutto è già stato raccolto, dobbiamo lasciarlo riposare per qualche tempo? In pratica parlo di mango, avocado, banana, morals, nespole, guayaberos (nelle isole Canarie)
    Grazie mille per le vostre risposte precise e preziose.
    Marcelino

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Ciao Marcellino.

      Tutto dipenderà dal fatto che piova regolarmente o meno nella tua zona. Gli alberi hanno bisogno di acqua per poter vivere, ma se piove spesso adesso in autunno, per esempio, non sarà necessario annaffiarli. Se invece è un autunno secco, allora sì, sarà necessario continuare ad annaffiare, molto meno che in estate, sì.

      Saluti! 🙂

  6.   Mariel suddetto

    Ciao! Mi è piaciuto molto la scrittura e i consigli. Ma ho dei dubbi su qualcosa, ho dei bambù nel mio giardino, la regola dei 10 litri funziona anche con loro se misurano 2-3 metri? Vivo in una città molto arida nel nord del Messico, in questo momento in primavera abbiamo raggiunto i 35°C o più e non ho davvero trovato quanta acqua dovrei metterci dentro. Spero possiate aiutarmi, grazie mille!!

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Mariel.

      Grazie per il tuo commento, ma... ti consigliamo di consultare il nostro blog Jardineriaon.com, che parla di giardinaggio in generale 🙂
      Il bambù non è un albero eheh

      Saluti!

  7.   Rafael suddetto

    Ciao, buonasera, una domanda, ho due settimane che ho piantato un maschio di moro di circa tre o quattro metri e un limone di un metro e mezzo, vorrei sapere di quanta acqua hanno bisogno e con quale frequenza dovrebbe essere l'irrigazione be, abito in una zona molto calda in cui stiamo già oscillando intorno ai 37 o 39 gradi centigradi, mi hanno consigliato di annaffiarle quotidianamente per circa due settimane, ma noto che alcune foglie ingialliscono dai bordi partendo dal basso , è normale, sarà perché mancano d'acqua o sono avanzi? Di quanti litri hanno bisogno e quanto spesso si rompono, apprezzerei molto i tuoi consigli, non voglio che i miei alberi me lo diano, non so se c'è anche qualche complemento che posso dare loro per aiutarli pesce bene ora che ho due settimane di nuovo impianto? Grazie

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Rafael.

      Sì, un'annaffiatura quotidiana è molta anche con quelle temperature. Tre volte a settimana, forse quattro, ma non tutti i giorni.
      Devi versare circa 10 litri ciascuno. Ora che sono relativamente giovani e appena piantati, non hanno bisogno di molto altro.

      Saluti.

  8.   Gloria suddetto

    Ho appena piantato una giovane quercia rossa di 3 metri e mi hanno detto di annaffiarla bene tutti i giorni, vivo a Chihuahua con un clima molto secco, mio ​​figlio ne ha piantato una anche a Monterrey un po' più in alto e gli hanno detto di annaffiarla una volta settimana, settimana per un po'. Che è corretto? il clima è caldo in entrambe le città, ma Monterrey è più umido

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao, Gloria.

      Se il clima è più umido a Monterrey, non sarà necessario annaffiare così spesso.
      Ma nella tua zona non consiglierei di annaffiare tutti i giorni. Inizia con tre o quattro volte a settimana e vedi come va. Penso che dovrebbe bastare, ma senza vederlo »di persona» è difficile saperlo con certezza 🙂 Se vedi che il terreno si asciuga molto velocemente, da un giorno all'altro, aumenta un po' la frequenza delle annaffiature.

      Saluti.

  9.   Raul suddetto

    Ciao Monica, articolo molto completo sull'irrigazione. Ho una domanda che, per quanto possa sembrare molto semplice, mi assale ogni volta che annaffio:

    A che distanza dal bagagliaio devo versare l'acqua?

    Si tratta di irrigazione di pini giovani e adulti, in modo che possano resistere ai mesi più caldi (zona di Alicante, Spagna), anche se suppongo che possa essere estrapolata ad altre specie di alberi. Istintivamente, irrigava spruzzando l'acqua con un tubo proprio ai piedi del tronco (dove, secondo l'articolo, nasce la radice del fittone), ma ovviamente la rete delle radici secondarie (attraverso la quale l'albero assorbe acqua da terra) a volte si estende per diversi metri attorno al tronco. Ecco perché annaffio da tempo i giovani pini (alti fino a 1 metro) proprio ai piedi del tronco, ma gli alberi adulti un po' più lontani (ad esempio un pino di circa 6 metri, verso l'acqua due metri del tronco, pensando che sia dove dovrebbero trovarsi le radici secondarie più fini, oltre a modificare il punto di irrigazione in modo che le radici crescano più o meno omogeneamente attorno al tronco).

    La tecnica è corretta o devo cambiarla?

    Grazie

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Raul.

      Grazie per il tuo commento.

      Quello che stai facendo è corretto, ma ti dirò anche che puoi fare una fossa attorno al tronco e ad una distanza di circa 20-40 centimetri -dipende da quanto è grande- da esso. Quindi, durante l'irrigazione, devi solo riempire quella fossa. E l'acqua raggiungerebbe tutte le radici.

      Lo faccio così con quelli che ho sul pavimento e vanno bene. È anche un modo per sfruttare al meglio l'acqua, evitando che si disperda.

      Saluti 🙂

      1.    Raul suddetto

        Grazie Gloria, per la risposta e il suggerimento della fossa dell'albero 🙂

        1.    Monica Sanchez suddetto

          Prego, ma mi chiamo Monica eheh

          Saluti!

          1.    Raul suddetto

            Hahaha…è vero, Monica, scusa. Bene, ma dà «Gloria» leggere i tuoi articoli 😉


          2.    Monica Sanchez suddetto

            Gracia Giaja