Come prevenire la morte o lo smorzamento delle piantine?

morte del pino

Guardare gli alberi crescere dai semi è un'esperienza arricchente e preziosa. Nonostante oggi si sappia già come germinano, a volte è difficile credere che da qualcosa possano emergere piante così minuscole che, nella maggior parte dei casi, superano i dieci metri, e alcune, come le sequoie, raggiungono i 116 m. .

E questo per non parlare di quanto siano vulnerabili durante i primi due anni di vita. In questo senso, una delle malattie più pericolose è quella che viene chiamata smorzamento o morte delle piantine. Non appena compaiono i primi sintomi, di solito non c'è nulla che si possa fare, ma... lo sapevi che si può prevenire?

Che cosa è?

morte della piantina

Lo smorzamento, molto meglio noto come ho detto come morte della piantina o con il nome di avvizzimento fungino, è una malattia causata da diversi funghi, tra i quali i più comuni nei vivai sono Botrytis, Pythium e Phytopthora, anche se ve ne sono altri come Sclerozio o Rhiztonia che non si possono escludere. Essi infettare semi o piantine poco dopo la germinazione, causando la morte.

Quali sono i sintomi?

Ci sono diversi sintomi che dovrebbero farci sospettare che siamo di fronte a un possibile caso di avvizzimento fungino, o che potremmo esserlo presto:

  • semi:
    • debole
    • un po' più morbidi di quanto dovrebbero essere
  • Piantine:
    • assottigliamento dello stelo
    • comparsa di una macchia biancastra intorno alla base del fusto
    • doratura delle foglie

Come prevenire lo smorzamento?

Per quanto letale sia, ci sono una serie di metodi di prevenzione davvero semplici. Il primo passa utilizzare un nuovo substrato che faciliti anche il rapido drenaggio dell'acqua, come la vermiculite o se si preferisce la torba mista a perlite al 30% o simili.

inoltre, è molto, molto importante usare il fungicida. Per esperienza consiglio di trattare i semi prima della semina con un fungicida spray, quindi, una volta seminato, cospargere di zolfo in polvere (o ancora fungicida se è estate) sulla superficie del substrato.

Infine, devi tenere il semenzaio all'aperto e ben irrigato, cioè cercando di evitare ristagni d'acqua. Sia la mancanza di ventilazione che l'elevata umidità favoriscono la proliferazione dei funghi, quindi è necessario adottare misure prima che appaiano.

Si può guarire una pianta malata?

piantina di caffè

Una volta che i sintomi sono comparsi devi trattarlo urgentemente con un fungicida, ma non è una garanzia di successo. I funghi sono microrganismi complessi e i prodotti esistenti non sono ancora riusciti ad eliminarli completamente; tanto che purtroppo la cosa più comune è che le piante muoiono anche dopo essere state trattate.

Spero che ti sia servito e che tu possa avere una semina buona e felice d'ora in poi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

4 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1.   GALANTE NACHO suddetto

    Ciao Monica.

    Mio fratello pianta tutto ciò che si muove e abbiamo già circa 70 piantine di Acacia di Costantinopoli, 30 di Acero e 20 di Alberi dell'Amore.Gli chiederò di entrare nel blog per informarlo. Un articolo molto interessante!

    Cordiali saluti,

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Ciao!

      Ostriche, beh, per aver ottenuto così tanti alberi... sicuramente ne conosci già più di un trucco eheh Complimenti.

      Saluti.

  2.   jose suddetto

    Io sono un semplice fan di questo ma ho due vivai di 500 mq, più leggo e più mi travolgo, perché non faccio niente di quello che dici, fino ad ora me ne libero, ma un giorno i funghi mi hanno devastato. Uso e produco molti lombrichi e farina fossile. Se puoi guardare la mia pagina ARBA Huelva.
    Saluti.

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Ciao Giuseppe Carlos.

      Capisco che la farina fossile sia un buon fungicida preventivo, quindi questo è sicuramente uno dei motivi per cui le tue piante crescono sane 🙂

      Un saluto e grazie per il commento.