Fico strangolatore (Ficus benghalensis)

Le foglie del Ficus benghalensis sono grandi.

Immagine – Wikimedia/PJeganathan

Il fico strangolatore è uno degli alberi più grandi del mondo. Non è il più alto, ma è quello che può occupare più metri, poiché se cresce vicino ad altri alberi, usa i loro tronchi come supporto fino a quando non muoiono. E ovviamente, a un certo punto, quei tronchi marciscono, ma il Ficus non cade, perché ha avuto abbastanza tempo per sviluppare un apparato radicale che lo tenga in piedi.

Per questo potremmo anche dire così el Ficus benghalensis È una specie con radici non solo molto lunghe, ma anche robuste.. Non è quindi una pianta che si possa coltivare in un piccolo giardino, ma può essere interessante tenerla in vaso per un po' (a patto che venga trapiantata periodicamente), oppure in un grande appezzamento.

Da dove nasce e quali sono le sue caratteristiche?

Il fico strangolatore è un albero molto grande

Immagine - Wikimedia / Bernard DUPONT

Il fico strangolatore, o baniano come viene anche chiamato, È un albero sempreverde endemico dell'India e dello Sri Lanka.. Vive nelle foreste tropicali dove l'umidità dell'aria è alta, quindi se viene coltivata in zone dove è bassa, sarà necessario nebulizzare le sue foglie con dell'acqua in modo che non si secchino.

come tanti altri Ficus che crescono come alberi di solito inizia la sua vita come epifita. E dico "di solito" perché questo sarà il caso solo se puoi usare qualcosa (altri alberi per esempio) come supporto; altrimenti svilupperà un tronco, sì, ma anche radici aeree che le daranno stabilità.

Le foglie sono semplici, di colore verde ad eccezione delle nervature, che sono più chiare.. Misurano circa 30 centimetri di lunghezza per circa 10-15cm di larghezza più o meno. E i frutti sono piccoli fichi, di circa 2 cm di diametro, e di colore rosso.

Perché si chiama fico strangolatore?

Perché quando usi altri alberi come supporto, alla fine muoiono poiché le radici del nostro protagonista rubano i loro nutrienti, e le foglie, dando loro ombra, rendono sempre più difficile il loro svolgimento della fotosintesi.

A volte può succedere che le radici "strangolano" diversi alberi, quindi nel tempo il fico può occupare diversi ettari, motivo per cui si potrebbe dire che sia uno degli impianti più grandi del mondo. Infatti, nel Giardino Botanico di Calcutta ce n'è uno che occupa 12 metri quadrati di superficie, e misura circa 120 metri di diametro. Si calcola un'età superiore ai 230 anni.

Quindi potrebbe essere una sorpresa che qualcuno voglia coltivarne uno nel proprio giardino, giusto? Anche. Ne ho uno anch'io, in una pentola. Il primo anno ho già visto qualcosa che mi ha sorpreso molto: l'avevo su erba artificiale, e un giorno d'autunno quando ho deciso che era ora di portarlo a casa per non soffrire il freddo, quando l'ho sollevato dall'erba ho visto subito che aveva già le radici che stavano cominciando per 'ancorarlo'.

E il punto è che erano passati solo pochi mesi da quando l'avevo piantato in quel vaso (è passato da uno di 10cm di diametro, a un altro di circa 25cm). Ma sì, l'ho portato a casa. Quelle radici che stavano già crescendo fuori dal vaso soffrirono poco, e il resto della pianta - che a quel tempo era alta circa 40 cm escluso il vaso - non sussultò nemmeno.

Di cosa hai bisogno per vivere?

Il Ficus benghalensis è un albero epifita

Copia della mia collezione.

El Ficus benghalensis è un albero che può crescere molto, molto grande, quindi ciò di cui ha particolarmente bisogno è spazio. Molto spazio. Si può tenere in vaso, come vi dirò in seguito, ma se teniamo conto delle dimensioni che raggiunge, è bene piantarla in piena terra il prima possibile.

Ma oltre a questo, ciò di cui hai bisogno è caldo. Essendo di origine tropicale, non è possibile coltivarla all'aperto - almeno non durante tutto l'anno - in un luogo dove c'è il gelo, o dove le temperature rimangono sotto i 10ºC per diverse settimane di seguito. Inoltre, non può mancare neanche la luce. Se vogliamo che cresca bene, lo esporremo al sole diretto.

E ultimo e non meno importante, richiede un'elevata umidità dell'aria. Se vivi su un'isola, ad esempio, questo non sarà un problema, ma per esserne sicuri è meglio verificare -con una stazione meteorologica domestica- che percentuale di umidità c'è nella tua zona. Se rimane alto, sopra il 50%, allora perfetto; ma in caso contrario, dovrai spruzzare quotidianamente le sue foglie con acqua senza calce.

Quali sono le cure che richiede?

Parliamo ora di come prendersi cura di a Ficus benghalensis. Dalla mia esperienza, posso dirti che non è molto complicato. Ma vediamolo nel dettaglio:

  • Posizione: È meglio tenerlo all'aperto, poiché è lì che può essere posizionato in un luogo esposto alla luce solare diretta. Ma ovviamente, visto che teme il freddo, in autunno/inverno dovrà essere portato in casa se ci sono gelate in zona, in tal caso lo posizioneremo nella stanza più luminosa, e al riparo da correnti d'aria .
  • Vaso o terriccio?: questo dipenderà dalle condizioni climatiche della zona e se abbiamo o meno un giardino ampio. Se il clima è tropicale e abbiamo un grande appezzamento, allora si può posizionare a terra; Altrimenti, è meglio tenerlo in vaso o potarlo.
  • Terra: Il terreno dove cresce deve essere ricco, e avere un buon drenaggio. Se sarà in un vaso, puoi mettere un substrato di coltura universale per piante, come ad esempio è.
  • irrigazione: il banyan tree va annaffiato più volte alla settimana durante l'estate, ma il resto dell'anno le innaffiature vanno diradate per dare al terreno il tempo di asciugarsi un po'.
  • Abbonato: È necessario concimare un albero che già cresce velocemente e diventa molto grande? Beh, dipende. Se è nel terreno non è necessario, ma se lo hai in vaso non farà male, poiché con il tempo finirà le sostanze nutritive. Per questo consiglio di concimarla in primavera e in estate con un concime universale, come ad es è, seguendo le indicazioni sulla confezione.
  • Rusticità: è sensibile al gelo; resiste invece al calore fino a 45ºC se ha a disposizione acqua e ogni volta che lo è per breve tempo.

Cosa ne pensi del file Ficus benghalensis?


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*