Antracnosi: cos'è e come trattarla?

L'antracnosi è una malattia fungina

Immagine proveniente da Flickr/Debra Roby

Gli alberi, non importa quanto siano ben curati e sani, possono essere colpiti da un'ampia varietà di microrganismi. Batteri, virus e funghi parassiti sono sempre in agguato, in attesa che tu mostri qualche segno di debolezza, per quanto piccolo, per attaccare. Uno dei più devastanti è quello che conosciamo come antracnosi o cancro, che può infettare le giovani piante, provocando danni che, se non curati in tempo, saranno irreversibili.

Ma... esiste un trattamento davvero efficace per sradicarlo? Purtroppo, quando si parla di microrganismi patogeni, l'unica cosa che possiamo fare è prevenire e curare i sintomi. Anche così, non preoccuparti ancora perché quelle misure preventive attuate per tempo, fanno spesso la differenza tra avere alberi, diciamo protetti, e alberi morti.

Cos'è l'antracnosi?

I frutti sono infettati dal cancro

Immagine proveniente da Flickr/Scot Nelson

L'antracnosi o cancro è una malattia causata da vari funghi, in particolare i generi Colletotrichum e Gloeosporium. È particolarmente comune nelle regioni con clima mite-caldo dove anche l'umidità ambientale è elevata., poiché queste condizioni sono ideali per la rapida proliferazione di questi microrganismi... in un'ampia varietà di piante.

Concentrandosi solo sugli alberi, il cancro è particolarmente distruttivo sull'ippocastano; infatti ha un nome proprio: ippocastano antracnosi. In questo albero, quando è giovane attacca le foglie, ma man mano che la pianta cresce, è comune che appaiano protuberanze o "grumi" sul suo tronco. Ma attenzione, se avete mandorli, manghi o cornioli fioriti, devi anche essere molto attento, poiché sono altre specie preferite di questi funghi.

Quali sono i sintomi?

I sintomi di questa malattia sono facili da identificare:

  • Aspetto di macchie marroni sulle foglie
  • Caduta delle foglie
  • Frutti con macchie brunastre/nerastre che possono finire per cadere
  • Aborto fiorito
  • L'albero sembra marcito, non cresce
  • Noduli sul tronco (negli esemplari adulti)

In che modo un albero viene infettato dalla peronospora?

il cancro colpisce gli alberi

Immagine proveniente da Wikimedia/Norbert Nagel

I funghi che causano l'antracnosi o il cancro possono entrare negli alberi quando si verificano alcune di queste situazioni:

Calore + alta umidità

Nelle regioni dove le temperature sono miti o calde, è molto comune trovare piante colpite dal cancro. Ora, devi tenere a mente che non devi necessariamente trovarti in un'area con una temperatura di 20ºC e un'umidità dell'85% (ad esempio) tutto l'anno, poiché Se le primavere sono calde e umide dove vivi, anche se gli inverni sono freddi con nevicate, potresti aver infettato anche gli alberi.

Potatura con attrezzi non disinfettati

Quando si tratta di potatura è importantissimo, prima di tutto nella giusta stagione (autunno o fine inverno, a seconda del tipo di albero), ma anche pulire bene gli attrezzi. I microrganismi non si vedono, ma ciò non significa che non ci siano. Quindi non esitate a disinfettarli prima e dopo l'uso per prevenire le infezioni.

E a proposito, non dimenticare di chiudere le ferite con la pasta cicatrizzante. Nel caso in cui.

albero mal tenuto

Quando un albero riceve tutto ciò di cui ha bisogno, è difficile che si ammali. Anche se questo può rivelarsi un po' complicato, perché puoi prenderti cura del tuo, annaffiarlo e concimarlo quando necessario, ma si ammala comunque... Perché? Ebbene, può darsi che il tempo non gli sia del tutto favorevole, che si sia ammalato mentre era già all'asilo.

In ogni caso, continuare a fare proprio questo non fa male: cercare di coprire tutte le esigenze dell'albero.

Come trattare l'antracnosi?

L'antracnosi è una malattia fungina

Immagine proveniente da Flickr/Scot Nelson

Come accennato all'inizio dell'articolo, è difficile, se non impossibile, debellare completamente la malattia. Pertanto, ciò che viene fatto è il seguente:

misure di prevenzione

  • Compra alberi sani
  • Innaffia e concima quando necessario
  • Trattare i semi con fungicidi a base di rame prima della semina
  • Usa substrati "nuovi".
  • Assicurati che le radici abbiano abbastanza spazio per crescere
  • Separa le piante malate da quelle sane
  • Trattare con fungicida all'inizio della stagione di crescita

misure 'curative'

Se vedi che hai già dei sintomi, applicare fungicida a base di rame. Spruzza bene foglie e tronco, e puoi anche aggiungere la dose indicata sul contenitore all'acqua e all'acqua di irrigazione, curando così le radici.

Spero che queste informazioni ti siano state utili nel trattamento dei tuoi alberi.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1.   Rubén suddetto

    Ciao ?
    Nell'autunno 2019 ho piantato un cedro del Libano alto 75 cm, i primi mesi defogliava molto gli aghi ma in primavera/estate cresceva più di 1 metro ed era splendido. Quest'autunno si è defogliato di nuovo ed è come "calvo" di tutto. Ho potato un ramoscello ed è verde dentro anche se non ha quasi un ago in vista.
    L'ho sempre concimata all'inizio della primavera e dell'autunno, senza strafare, ed è stata messa a dimora in un substrato di 5-5,5 misti a terriccio locale e qualche sasso.
    Vivo in Galizia, nella zona di Coruña, da queste parti se ne possono vedere tante che crescono senza difficoltà.
    Non so cosa debba essere perché si defoglia in autunno (i 2 che ha piantato) non attecchirebbe comunque bene?
    Grazie saluti?

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Ciao Ruben.

      Potrebbe non aver ancora finito di radicare bene, a causa della sua lenta crescita.
      Ma per ogni evenienza, consiglio di trattarlo con un fungicida per conifere, poiché ci sono funghi come la phytophthora che causano il cosiddetto imbrunimento delle conifere, che è quasi sempre fatale per loro. Pertanto, tutta la prevenzione è poca.

      Adesso in primavera tornerà utile anche un po' di fertilizzante, come il compost, il guano o del letame (il letame di pollo, purché asciutto, è l'ideale).

      Saluti!