Acer palmatum

Vista dell'acero giapponese

El Acer palmatum È una delle specie più importanti di alberi e arbusti a foglie caduche nel giardinaggio ornamentale. Originario dell'Asia, è un insieme di piante che stanno benissimo su patii, terrazze e, naturalmente, in quei paradisi che chiamiamo giardini.

Esistono diverse varietà e molte cultivar, ed è probabile che ne usciranno di nuove con il passare degli anni. Ma, sebbene alcuni abbiano foglie verdi, altri rosse o altri multicolori, le cure di cui hanno bisogno sono le stesse.

Qual è l'origine e le caratteristiche del file Acer palmatum?

Acero giapponese nell'habitat

El Acer palmatum, noto come acero palmato giapponese, acero palmato giapponese, acero polimorfo o acero giapponese, è una specie originaria del sud-est asiatico, in particolare del Giappone e della Corea del Sud, e secondo il wikipedia alcuni dicono anche dalla Cina. È stato descritto da Carl Peter Thunberg e pubblicato in Vegetalium sistematico. quattordicesima edizione nell'anno 1784.

Si caratterizza per raggiungere altezze comprese tra 5 e 16 metri, anche se esistono alcune cultivar, come Little Princess, che non superano i 2-3 metri. Il suo tronco può essere solitario o ramificato vicino al suolo e la sua corona è solitamente a forma di piramide da giovane, o arrotondata e larga quando è matura. Le foglie sono palmate lobate composte da 5-7-9 lobi acuti e raggiungono una dimensione da 4 a 12 cm di lunghezza e larghezza.. Questi sono di vari colori, prevalentemente rossi, viola e verdi.

Fiorisce in primavera, producendo fiori con 5 sepali rossi o viola e 5 petali bianco sporco. Il frutto è una bisamara alata lunga circa 2-3 cm che protegge un seme di 6-8 mm.

Sottospecie

Tre sono noti:

  • Acer palmatum subsp. palmato: vive alle basse altitudini del Giappone centrale e meridionale. Sviluppa piccole foglie, larghe da 4 a 7 cm, con da 5 a 7 lobi che hanno margini doppi seghettati. Le ali dei semi misurano 10-15 mm.
  • Acer palmatum subsp. amoeno: Vivono alle altitudini più elevate del Giappone e della Corea del Sud. Le foglie sono larghe 6-10 cm, 7-9 lobi, con margini seghettati. Le ali dei semi misurano 20-25 mm.
  • Acer palmatum subsp. matsumurae: vive alle altitudini più alte del Giappone. È quello con le foglie più grandi, larghe da 9 a 12 cm, con 5-7-9 lobi i cui margini sono doppiamente seghettati. Le ali dei semi misurano 15-25 mm.

Cultivar di acero giapponese

Acer palmatum cv Beni hime

Acer palmatum cv Beni Hime // immagine tratta da Flickr/anolba

È noto che circa un migliaio di cultivar si propagano per innesto. Il colore delle foglie può essere singolo (verde chiaro o giallo a verde scuro, rosso o viola) o variegato.

Di solito, non superare i 5 metri di altezza, il che li rende particolarmente interessanti per la coltivazione in piccoli spazi e anche in vaso. Alcuni esempi sono:

  • atropurpureo: Le foglie ei rami sono rosso vino, tranne in estate quando sono più verdi.
  • Aureum: sviluppa foglie giallo chiaro.
  • Farfalle: le foglie sono verdi con margini bianchi.
  • masumurasaki: sviluppa foglie viola.
  • Seyriu: ha foglie i cui lobi sono come aghi, molto sottili, di colore verde che virano al rosso scuro in autunno. È una cultivar che deriva dalla varietà Acer palmatum var. dissezione.
  • tropenburg: le foglie sono viola.

Quali usi ha?

El Acer palmatum utilizzato solo come pianta ornamentale, sia come esemplare isolato, in siepi, in vaso. Inoltre, nei loro luoghi di origine lavorano da secoli come bonsai, soprattutto le varietà con foglie più piccole.

La sua crescita lenta e la sua facile manutenzione, purché il tempo lo consenta, hanno reso l'acero giapponese una delle piante più richieste dagli appassionati di giardinaggio.

Quali sono le cure dell'acero giapponese?

Acer palmatum 'Osakazuki'

Acer palmatum 'Osakazuki' // Immagine da Wikimedia/TeunSpaans

Affinché questa specie possa stare bene, cioè affinché possa vivere a suo agio (e non sopravvivere) è molto importante che le temperature siano miti tutto l'anno e che ci siano gelate in inverno. Resiste senza problemi fino a -18ºC, ma se lo esponiamo ad una temperatura superiore ai 30ºC e lo lasciamo al sole con un terreno non troppo buono, lo perderemo.

Inoltre, tienilo a mente ha bisogno di essere freddo per alcuni mesi per andare in letargo, dopo di che avrà recuperato le forze necessarie che lo aiuteranno a riprendere la sua crescita in primavera. Ecco perché nei climi tropicali e subtropicali è una pianta difficile (piuttosto impossibile). Anche nel Mediterraneo costiero è complicato (parlo per esperienza).

Nelle zone con clima mediterraneo o simile, consiglio di piantarlo in vaso -con fori di drenaggio- con substrati tipo akadama con 30% di kiryuzuna, o 5 mm o meno di argilla vulcanica da sola o mescolata con il 30% di kanuma. Ma se abiti in una zona dove le estati sono miti e gli inverni freddi, puoi piantarla in contenitori -sempre con fori per il drenaggio- con substrati per piante acidofile; e se il terreno del tuo giardino è acido, cioè con un pH compreso tra 4 e 6, puoi offrirgli un posto dove crescere 😉 .

L'irrigazione deve essere frequente, evitando ristagni d'acqua. Utilizzare acqua piovana, in bottiglia o senza calcare. Se l'acqua del rubinetto ha un pH maggiore di 6, diluire il succo di mezzo limone in un litro d'acqua, mescolare bene il tutto con un cucchiaio, quindi controllare nuovamente il pH con strisce di pH o misuratori specifici: se è ancora alto, aggiungere altro succo di limone e controllare di nuovo.

Durante la primavera e l'estate apprezza un apporto regolare di fertilizzante., ad esempio ogni 10-15 giorni. Utilizzare i fertilizzanti per piante acidofile una volta seguendo le istruzioni riportate sul contenitore e la successiva guano o altri fertilizzanti organici. Tieni solo presente che è consigliabile utilizzare fertilizzanti liquidi se lo hai in vaso, poiché se utilizzi fertilizzanti in polvere o granulari, sarà difficile che l'acqua in eccesso defluisca attraverso i fori di drenaggio.

I fiori di acero giapponese sono piccoli

acero giapponese si moltiplica per semi in inverno, che deve essere stratificata in frigorifero per tre mesi a circa 6ºC (o all'aperto se la temperatura è inferiore a 10ºC), e cultivar per innesto, che solitamente si innestano sulla specie tipo (Acer palmatum).

Infine, per quanto riguarda parassiti e malattie, non c'è nulla di cui preoccuparsi. Potrebbe avere della cocciniglia se l'ambiente è molto secco, ma nulla che non si possa togliere a mano 😉 . Quello che devi sapere è che devi proteggerlo proprio da quello, dall'ambiente secco e dalla luce solare diretta. Crescerà bene se l'umidità ambientale è superiore al 50% e se è in penombra, ma in caso contrario... le sue foglie bruceranno rapidamente.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

11 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1.   GALANTE NACHO suddetto

    Ciao Monica.

    Abbiamo due Palmatum in azienda, uno è il classico alberello con foglie rosso/marrone (l'abbiamo piantato quest'anno, e da quello che ho letto non abbiamo fatto molto bene perché lo abbiamo piantato in pieno sole, anche se essendo nella Sierra de Gredos le estati non sono molto calde e non manca l'irrigazione, e poi in inverno fa freddo, ma non eccessivo) e un altro ha foglie più piccole ma è un albero di notevole calibro ed è super frondoso . Le foglie sono verdi con bordi rossastri, il peduncolo è rosso e poi ha un aspetto un po' piangente (lo chiamiamo attore secondario Bob perché il suo aspetto ricorda i capelli) Questa varietà non dovrebbe essere molto comune, che ne dite? Un'altra particolarità che ha è che è super prolifico, dà molti semi e quasi tutti prendono nello stesso campo. Grazie mille per il tuo meraviglioso articolo!

    Un cordiale saluto:

    GALANTE NACHO

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Ciao Nacho.
      Beh, non ne ho idea lol Ci sono molti tipi di acero giapponese. Le foglie sono palmate o aghiformi? Se è uno di questi ultimi, potrebbe essere un Acer palmatum var. dissectum.

      A seconda del clima, del terreno, dell'irrigazione, del fertilizzante, ... i colori delle foglie possono variare un po'. Lo stesso Acer palmatum può avere foglie rosse, non so, nelle montagne di Madrid piantate in terra, e invece, nel Mediterraneo e in vaso, le ha più arancioni.

      A proposito, vedo che stai seguendo il blog anche su Facebook. Se vuoi, manda una foto dei tuoi aceri giapponesi da lì per vederli 🙂

      Saluti!

      1.    GALANTE NACHO suddetto

        Ciao Monica.

        Entrambi hanno foglie palmate. Non me la cavo bene nelle reti ma farò quello che posso.

        Ho visto che scrivi anche tu, devi vedere cosa funziona per te. Congratulazioni!

        Mi piacciono anche i gatti, ne abbiamo tre a casa!

        Grazie mille e cordiali saluti,

        GALANTE NACHO

  2.   Ignacio suddetto

    Ciao Monica, mi chiamo Ignacio e volevo prima di tutto congratularmi con te per il tuo blog.
    Come te, vivo a Maiorca, alla periferia di Palma. Ho letto che hai avuto esperienze con gli aceri giapponesi nel nostro clima. Dal tuo punto di vista, quale varietà pensi di poter coltivare in vaso o grande fioriera?
    Ho un patio più o meno riparato con 5 ore di sole al mattino (esposto a est) in estate e 2 ore in inverno.
    So che è un'eccentricità ma è l'unica parte del mio giardino che ha bisogno di essere specificata e penso che potrebbe avere un bell'aspetto.Sarebbe una linea di fioriere di circa 4m ai piedi di un muro.Siepe informale.
    È una spina nel fianco e vorrei conoscere le impressioni di chi ha già vissuto l'esperienza.
    Grazie e complimenti per il blog.

    1.    tutti gli alberi suddetto

      Ciao Ignacio.

      Mi piace leggere qualcuno che vive anche a Maiorca eheh 🙂 Sono nell'estremo sud, vicino a Colonia de Sant Jordi.

      Ma temo che cinque ore di sole siano troppe per l'acero giapponese. Per esperienza, il Seyriu resiste meglio di altre cultivar, ma parliamo di un po' di tempo al mattino presto o nel tardo pomeriggio.

      Se vuoi un acero che non ti dia troppi problemi, ti consiglio di provare l'Acer opalus, originario della Spagna. L'Acer opalus subsp granatense è quello di Maiorca, che vive nella Sierra de Tramontana ed è più piccolo dell'opale normale.

      Se hai dubbi, dimmelo.

      Un saluto!

      1.    Ignacio suddetto

        Grazie Monica, non sapevo del tutto che qui a Maiorca abbiamo un acero autoctono. Pensi che con la dovuta cura possa essere provato in una grande fioriera? Conosci un posto dove trovarlo sull'isola o devi per forza cercarlo fuori?
        Grazie mille.

        1.    tutti gli alberi suddetto

          Penso di sì, che si può fare bene. Puoi anche potarlo (alla fine dell'inverno, prima che le foglie germoglino) per controllarne un po' la crescita.

          Sono sicuro che vendono vivai autoctoni, ma al momento non ne ricordo nessuno. Ma se cerchi su Ebay troverai un venditore affidabile. Ad esempio questo: https://www.ebay.es/itm/Planta-de-Arce-opalus-Acer-opalus-2-Anos-/323197296128

          Vedo che sei assente, ma wow, è grave. Io stesso ho comprato un Acer opalus e altre piante e sempre bene.

          In caso di dubbio, chiedi lol 🙂

          Saluti e grazie a te!

          1.    Ignacio suddetto

            Grazie Monica, lo guarderò. Poiché la mia idea è di piantarlo in autunno nel giardiniere, continuerò a indagare. È chiaro che non è lo stesso di un acero giapponese ma con cura può essere interessante. Cosa Non so se il suo apparato radicale è simile a quello di questi, cioè sono adatti ai vasi, avevo pensato anche ad un liquidambar, ma ho letto che richiedono profondità per le radici e non mi voglio avere un bastone con quattro foglie.
            Grazie mille.


  3.   tutti gli alberi suddetto

    Ciao di nuovo.
    Sì, il loro sistema di root è molto simile. Non preoccuparti, si ramifica bene. E se vuoi assicurarti che non sia un bastoncino con quattro foglie come dici tu :), rimuovi le prime foglie da ogni ramo che esce. In questo modo lo farai allungare un po' e ad un'altezza ridotta.

    Non consiglio liquidambar. Ha bisogno di molto spazio per potersi sviluppare e crescere come un albero. Ma a parte questo, il clima di Palma è un po' troppo caldo per lui. Preferisce un clima più fresco, più simile a quello della Sierra de Tramuntana per esempio.

    Un saluto!

  4.   Jose Antonio suddetto

    Ciao Monica

    Ho adorato la tua conoscenza e i tuoi consigli sugli aceri, quindi ho bisogno di chiedertelo.
    Vivo a Castellón e una settimana fa ho comprato un acero Palmatun altropurpurum molto frondoso e bello di circa 5 anni in un vivaio.
    Ho deciso di non trapiantarlo quest'anno in modo che sia più in sintonia con il Mediterraneo, è in un vaso da 4l e con tutte le foglie già esposte...secondo il proprietario del vivaio sono di Girona e la loro altezza sarà di circa 40 cm.
    Il mio patio è quello tipico tra i condomini…mi dà al massimo 1 ora ad aprile e dura fino a fine estate a settembre massimo…non sono patii chiusi, sono più aperti con gli appartamenti davanti più separati .
    Il sole non copre tutto il patio... solo in una determinata zona... ho un pergolato alto con tessuti traspiranti... il patio offre sole... semi-ombra... anche ombra... cosa dovrebbe Lo faccio per far sopravvivere il mio acero nonostante il tempo.
    Consigli sul luogo... come aggiungere umidità in estate... quando lo si trapianta in un altro vaso, substrato consigliato e data.
    In generale, Monica ha tutto quello che devo sapere e imparare per andare avanti con una vita che mi ha innamorato e preoccupato per tanti commenti negativi che ho letto sull'acero e sul Mediterraneo.
    Mille grazie per tutto
    saluti

    1.    Monica Sanchez suddetto

      Ciao Jose Antonio.

      Ho alcuni aceri giapponesi nel patio, a sud di Maiorca. Il trucco è assicurarsi che non siano mai esposti alla luce solare diretta (nemmeno guardandoli), e metterli nella fibra di cocco, o meglio ancora: 70% akadama con 30% kiryuzuna.
      Per loro vanno molto bene anche i fertilizzanti in primavera e in estate, con un fertilizzante specifico per piante acide (va bene anche quello che si vende attualmente, il fertilizzante per le ortensie).

      A proposito, l'Atropurpureum può crescere fino a circa 6 metri, ma con la potatura -a fine inverno- può essere tenuto molto più piccolo.

      Saluti.