Paulownia

Gli alberi di Paulownia sono decidui

Immagine - Flickr / Salomé Bielsa

Gli alberi di Paulownia sono piante a crescita rapida e spesso fioriscono in tenera età.. Se le condizioni sono buone, possono guadagnare da 30 a 40 pollici di altezza ogni anno, il che è molto rispetto a quello che tendono a crescere gli altri alberi.

La sua attrazione principale sono, senza dubbio, i fiori. Questi germogliano prima delle foglie, il che rende facile vederli. Ma, Da dove vengono?

Qual è l'origine della Paulownia?

Paulownia è un albero a foglie decidue.

Immagine – Wikimedia/Jean-Pol GRANDMONT // paulonia tomentosa

Questi alberi crescere in Asia orientale. Sono originari della Cina, così come del Giappone e della Corea. Si trovano anche in Vietnam e Laos. Lontano dai luoghi di origine, sono largamente coltivati ​​in luoghi dove il clima è temperato, con le quattro stagioni ben differenziate, con estati generalmente miti ed inverni freschi.

Come curiosità, lascia che te lo dica Sono l'emblema del governo giapponese, paese in cui sono conosciuti come Kiri (un nome che ha varcato i confini, visto che è molto usato anche nei paesi di lingua spagnola).

Come sono?

Sono alberi decidui che, come previsto, il suo tasso di crescita è veloce; infatti possono raggiungere un'altezza di circa 10-20 metri. Bisogna anche tener conto della sua chioma, piuttosto ampia negli esemplari adulti, misurando tra i 4 ei 7 metri di diametro.

Anche le foglie sono grandi, misurano circa 40 centimetri di larghezza per più o meno la stessa lunghezza. La lama è alquanto divisa in due lobi e ha un lungo picciolo. Se parliamo ora di i fiori, questi spuntano in infiorescenze a forma piramidale in gruppi di un massimo di 8 fiori viola. Una volta caduti, la pianta produce i frutti, che sono delle capsule con un gran numero di piccoli semi alati.

Principali specie di paulownia

Si stima che esistano circa 6 diverse specie di Paulownia, che sono le seguenti:

Paulonia catalpifolia

La Paulownia catalpifolia è media

Immagine - Flickr / Paco Garin

È una specie originaria della Cina orientale, che raggiunge un'altezza di circa 15 metri. È deciduo e perde le foglie durante l'autunno o l'inverno. I suoi semi germinano abbastanza bene se seminati in primavera e la crescita delle piantine è rapida. Ma sì, è importante sapere che per sopravvivere ha bisogno di sentire il passare delle stagioni, quindi non va coltivato in luoghi tropicali.

Paulonia allungata

Paulownia è un albero a foglie decidue.

Immagine – Wikimedia/Bazsek

È una specie che comincia ad essere molto conosciuta in Occidente. È anche caducifoglia, ma è di quelle che raggiungono un'altezza maggiore: nel suo caso, si tratta di può misurare 28 metri. Di crescita piuttosto rapida, può raggiungere i 12-15 metri di altezza in circa 5 anni. È anche molto adatta a climi subtropicali o temperato-caldi (come il Mediterraneo).

Paulonia fortunei

La Paulownia fortunei è un albero deciduo

Immagine – Wikimedia/Zhangzhugang

È una specie decidua originaria della Cina sudorientale, del Laos e del Vietnam raggiunge un'altezza da 15 a 20 metri. Ha una corona piramidale e le foglie sono ovali, raggiungendo una lunghezza di circa 20 centimetri. Inoltre, devi sapere che, come le altre paulonia, sopporta ragionevolmente bene le gelate moderate.

Paulonia kawakamii

Paulownia kawakami è piccola

Immagine - Wikimedia / Groogle

È una specie di paulonia decidua che Raggiunge solo un'altezza di circa 6 metri, quindi essendo più piccola delle altre, può essere coltivata in giardini di piccole e medie dimensioni. È originario di Taiwan e la sua coppa è arrotondata. Sopporta il freddo, ma non quanto gli altri: solo fino a -5ºC.

Paulownia taiwanese

La Paulownia taiwanese è un piccolo albero

Immagine – moretrees.co.uk

È un albero deciduo originario della Cina, principalmente di Taiwan. Il suo tronco si erge a circa 5 metri dal livello del suolo., e la coppa è più o meno arrotondata. Nel suo luogo di origine, di solito si ibrida con Paulonia kawakamii e Paulonia fortuneicon cui condivide l'habitat. Resiste al freddo purché non sia estremo.

paulonia tomentosa

La Paulownia tomentosa è un albero medio

Immagine - Wikimedia / Agnieszka Kwiecień, Nova

La paulonia tomentosa È la specie più conosciuta. È originario della Cina e È un albero deciduo che raggiunge un'altezza di 20 metri. La sua chioma è molto ampia, in quanto raggiunge circa i 6 metri. Questo è formato da foglie grandi, poiché sono lunghe 40 centimetri. I suoi fiori compaiono in infiorescenze terminali in primavera e sono di colore lilla. Resiste alle gelate fino a -20ºC.

Quali usi hanno le paulonia?

Il guzheng è un'arpa cinese

Immagine – Flickr/Lien Bryan™ // Guzheng

Per prima cosa parleremo degli usi che hanno nei loro luoghi di origine. Ed è che nei paesi asiatici da cui provengono, principalmente in Cina, Giappone e Corea, il suo legno è utilizzato per realizzare strumenti musicali tradizionali, come il guzheng (di origine cinese) o il koto (di origine giapponese). Inoltre in Cina vengono utilizzate per il rimboschimento, poiché crescono velocemente e sono poco esigenti per quanto riguarda il tipo di terreno. Certo, servono anche come piante ornamentali, che è l'uso principale che diamo loro in Occidente, ma non l'unico.

A poco a poco, il legno viene utilizzato anche nella fabbricazione di strumenti musicali., come le chitarre elettriche a basso costo. Tuttavia sono splendidi anche come "aiutanti dell'ecosistema", poiché i loro fiori sono melliferi; le radici prevengono l'erosione del suolo e possono crescere anche in quei terreni dove i nutrienti sono scarsi; E come se non bastasse, le foglie contribuiscono a migliorare la qualità dell'aria -come tutte le piante, in effetti, ma poiché le foglie di paulownia sono molto grandi e numerose, l'effetto è più evidente-.

Sì, non sono tutti alberi del terreno. Anche le Paulownia, da piante che sono, hanno le loro esigenze e, infatti, non potranno vivere in luoghi dove piove poco, o dove il clima è caldo tutto l'anno. A questo bisogna aggiungere anche una cosa che ritengo molto importante: il modo migliore per curare e proteggere un ecosistema è piantare piante autoctone; non alieno. Non importa quanto sia buono o bello un albero esotico, sarà sempre meglio optare per specie autoctone della nostra regione.


Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*